Carlo Caso, Innovation & Digitalization Consultant

Napoletano di nascita e nel cuore («mi porto dietro i valori e il carattere napoletano») Carlo Caso si è trasferito a Chieti quando era un ragazzo ed è rimasto in Abruzzo fino all’età di 27 anni. Dopo, valigia in mano, si è trasferito all’estero. Difficile individuare un unico posto: per 12 anni, dal 2009 al 2021, ha girato il mondo intero vivendo e lavorando in tutti i continenti, fatica ad elencare tutte le città che l’hanno ospitato («New York, Olanda, Madrid, Lisbona…poi Londra, Oslo… insomma, ho vissuto o visitato tutti i continenti. Manca solo l’Africa!»). Si è fermato a causa della pandemia covid19, che l’ha costretto a ripensare alle sue priorità. È stato allora che ha abbandonato la «vita corporativa» delle grandi multinazionali del settore energetico per lavorare come consulente. La sua formazione professionale, proprio come la sua vita, è altamente variegata: dopo avere fatto studi classici si è laureato in Scienze Geologiche ed ha conseguito un dottorato di ricerca, seguito da un MBA – Master of Business Administration. Sintetizza così il suo percorso: «sono partito come un geologo che utilizzava dei software per fare ricerche in materia di energia geotermica e petrolifera. Poi, questi software, ho iniziato a venderli. E dopo ancora, a crearli. Insomma, da bravo geologo sono partito dalla superficie per raggiungere il centro della terra (ride, ndr)». Il suo colore preferito è il blu.

 

Come è iniziata la tua collaborazione con UOMOeAMBIENTE?

«La mia collaborazione con UOMOeAMBIENTE è iniziata, in veste ufficiale, nel mese di novembre 2021. C’è da dire che conoscevo Mario Burrascano, CEO e founder, già da settembre: lavoravamo per un cliente in comune, ovvero SEA – Soluzioni Eco Ambientali. C’è stata fin da subito una grande sintonia sul piano umano, in più abbiamo scoperto di avere visioni simili anche dal punto di vista “tecnico” – ovvero, come si lavora. Mi ha parlato dei suoi (ambiziosi) progetti di digitalizzazione dell’azienda, di come avrebbe voluto rendere l’offerta di UOMOeAMBIENTE ancora più competitiva ed efficiente in termini di erogazione dei servizi, in particolare di quelli formativi».

Carlo Caso

In cosa consiste la tua collaborazione con UOMOeAMBIENTE?

«Sto coordinando i progetti di innovazione e digitalizzazione, dando struttura a quelle ambizioni di UOMOeAMBIENTE che puntano ad erogare i servizi di consulenza e formazione attraverso le infrastrutture tecnologiche più moderne: piattaforme di e-learning, sistemi gestionali all’avanguardia… la mia figura supporta l’azienda lungo quel percorso che la aiuterà a dotarsi di nuovi software e più in generale di strumenti che costituiranno una grande facilitazione per la pianificazione del lavoro quotidiano delle risorse, nonché un sensibile vantaggio competitivo per l’azienda».

 

Qual è il progetto realizzato con UOMOeAMBIENTE che ti ha dato maggiore soddisfazione?

«Quello che sto seguendo attualmente è un progetto ambizioso, per essendo ancora in fase evolutiva. In particolare, sto trovando estremamente interessante seguire processo di digitalizzazione della formazione che trasformerà UOMOeAMBIENTE in un vero e proprio creatore di contenuti. Webinar, live-streaming… Mario ed io abbiamo le idee molto chiare al riguardo: la formazione sarà sempre più innovativa, creativa e digitale. Che si tratti di tematiche maggiormente “convenzionali” – come quelle relative alla sicurezza sul lavoro – o di argomenti più specifici – le infinite sfaccettature della sostenibilità, ESG ecc. – l’offerta formativa firmata UOMOeAMBIENTE andrà sempre più incontro alle esigenze del cliente. Le competenze non mancano, l’infrastruttura nemmeno. Stiamo dando vita ad una vera e propria task force che, oltre a Mario e al sottoscritto, coinvolge anche l’ITC e Project Manager Francesco Deperte, creatore dell’intera infrastruttura tecnica aziendale. Con noi c’è Dario Dallo, una giovane risorsa che porta in dote esperienza lavorativa in realtà similari. Si sta creando un bel gruppo, con expertise differenti: tutto ciò è molto stimolanteۛ».

 

In quale dei valori di UOMOeAMBIENTE ti rispecchi maggiormente?

«La concretezza. La sostanza. La serietà con cui i progetti vengono portati a termine. Il fatto che arrivino prima i fatti… e poi le parole. Prima si ottengono risultati, il resto arriva dopo. Sono questi i valori che differenziano UOMOeAMBIENTE da altre realtà del settore e che danno origine agli altri punti di forza dell’azienda, come la competenza e la capacità di lavorare in team. Qui si ha una sola cosa in testa: essere assolutamente obiettivi con i clienti, risolvere i loro problemi e portarseli a casa, se necessario».