Dario Dallo, area commerciale e formazione

Nato a Giaveno il 15 giugno 1994, Dario Dallo è cresciuto «nel ridente paesino di Reano, in Val di Susa» dove vive tuttora con la sua compagna e Toby, il suo cucciolo meticcio di 1 anno. In questa città ricopre il ruolo di consigliere comunale, esperienza che lo porta ad essere “in prima linea sul territorio” in materia di politiche giovanili ed attività sportive. Lo sport è una delle sue passioni ed apprezza in particolare la pallavolo: «pur avendo iniziato a praticare quest’attività “tardi”, cioè 5 anni fa, questo sport mi piace tantissimo. Sia nella sua versione classica, in campo, sia nella versione beach volley». Gli piace viaggiare e l’esotica meta dei suoi sogni, in cui spera di andare quanto prima, sono le isole del Mar dei Caraibi. Il suo colore preferito è il verde.

 

Come sei arrivato in UOMOeAMBIENTE?

«Ho conosciuto Nunzia Giunta, AD e co-fondatrice di UOMOeAMBIENTE, durante un corso per CHO (Chief Happiness Officier, ndr). È stata una conoscenza comune a metterci in contatto e a credere, fin dal primo istante, nel nostro modo di intendere le organizzazioni positive. Era il novembre del 2021 e, tornando da Firenze, l’ho chiamata: pur frequentando il medesimo percorso formativo non ci eravamo mai incontrati! Così, dopo un colloquio telefonico a tema “organizzazioni positive”, Nunzia mi ha mi ha invitato a conoscere personalmente l’azienda. Qui ho avuto occasione di incontrare anche il CEO e co-fondatore Mario Burrascano. Non me lo aspettavo ma è emerso che, da qualche tempo, era alla ricerca di un account commerciale con competenze in ambito formativo che lo supportasse nella gestione dei suoi numerosissimi impegni. Con molto orgoglio posso dire di essermi trovato fin da subito in linea con i principi e i valori che UOMOeAMBIENTE porta in dote. In più, il mio curriculum era in linea con le esigenze dell’azienda. Ci siamo lasciati con la promessa di aggiornarci nel nuovo anno… e l’impegno è stato rispettato dal momento che, nel marzo 2022, è ufficialmente iniziato il mio percorso lavorativo all’interno dell’azienda».

 

Qual è il tuo ruolo nel team di UOMOeAMBIENTE?

«Mi occupo della parte commerciale e seguo i processi di accreditamento regionale per la formazione, insieme a Elisa Gagliardi e Gino Casi. Miriamo a  conseguire nel medio periodo l’accreditamento presso le Regioni Veneto, Toscana, Emilia Romagna e Lombardia (in aggiunta a quelli già ottenuti presso le Regioni Piemonte e Valle d’Aosta) in coerenza con progetto di espansione aziendale che porterà entro il 2022 ad aprire nuove sedi operative nelle regioni menzionate. Inoltre, lavoro a stretto contatto con l’area formazione per ampliare l’offerta UOMOeAMBIENTE con nuove proposte… sempre più “tailor made”, ovvero cucite sulle esigenze dei clienti, ed emozionali. Sostenibilità, change management, soft skill… nei prossimi mesi capirete cosa intendo!»

 

Quale progetto realizzato con UOMOeAMBIENTE ti ha dato maggiore soddisfazione?

«Sono arrivato in azienda da meno di un mese, ma prendere parte al progetto di digitalizzazione della formazione mi sta già dando molta soddisfazione. Con Mario Burrascano, Carlo Caso (Innovation & Digitalization Consultant) e Francesco Deperte (ITC e Project Manager) stiamo portando avanti un progetto innovativo e che porterà la nostra offerta formativa, già validissima, su un altro livello: l’implementazione di una piattaforma e-learning a marchio UOMOeAMBIENTE. È un progetto che mi sta molto a cuore perché credo molto nella formazione “dinamica”, in cui i dipendenti di un’azienda possono partecipare ai diversi corsi di formazione e aggiornamento in maniera asincrona. Certo, il nostro core-business è e sarà sempre quello dei corsi in presenza, fondamentali per permettere la costruzione di dialogo bidirezionale tra docenti e discenti. Tuttavia, ritengo che l’affiancamento di “pillole di formazione” digital possa fornire un supporto aggiuntivo di notevole importanza. Parlo di un’attività formativa “blended”, che mixa la potenza dell’approccio personale con l’amplificazione dei più avanzati mezzi digitali».

 

In quale dei valori di UOMOeAMBIENTE ti rispecchi maggiormente?

«La coerenza. Per me è fondamentale. Come raccontato in precedenza, ho intrapreso con Nunzia un percorso sulla Scienza della Felicità: constatare che il management aziendale non si limita a formarsi sull’argomento, ma ne applica anche i principi fondativi nella routine lavorativa quotidiana, è la chiave che mi ha convinto a scegliere questa squadra. Nel mio primo giorno di lavoro ho donato ai miei colleghi una piccola pallina antistress gialla e sorridente, accompagnata da una delle mie citazioni preferite: “Sorridi, la felicità parte sempre da te”. Credo tantissimo in questo motto ed è bello lavorare in un’azienda che, nella felicità, crede tanto quanto me».